comune Marsala gruppo folkloristico i Picciotti di Matarò logo gruppo folkloristico
120253 visite dal 18 marzo 2010




Cioff
 




Gran Canaria 2014



3^ Rassegna del Folklore Siciliano



4^ "Saperi e Sapori di.....MATAROCCO"- Festival Int. del Folklore



Mandorlo in Fiore 2012



Festival Internazionale "INTERFOLKG  - Kolobrze - POLONIA"

dal 14 al 19 agosto 2017
I Picciotti di Matarò
rappresenteranno l'Italia al Festival Internazionale del Folklore "INTERFOLKG"
di Kolobrze - POLONIA

 



Riconoscimenti Nazionali ed Internazionali




Federazione Associazioni Folkloristiche Italiane

Zicaffè sponsor ufficiale del gruppo


    componenti Gruppo Folk
    I PICCIOTTI DI MATARÒ


Skip Navigation Links.
Presidente
Massimo Gabriele
Direttore Artistico
Francesco Di Bernardo (friscalettu-solista)
Michela Maltese (solista)
Direzione Musicale
Antony Culicchia (tamburello)
Christian Gabriele (tamburello)
Francesco Genna (fisarmonica)
Ignazio Lombardo (fisarmonica)
Ivan Gabriele (tamburello – marranzano)
Leonardo Gancitano (bummolo – marranzano)
Roberto Piccione Pipitone (fisarmonica - friscalettu)
Valentina Mangiaracina (chitarra)
Vincenzo Piccione Pipitone (tamburo)
Vito Pipitone (fisarmonica)
Ballerini-Cantanti
Andreas Di Gregorio
Antonella Nuccio
Antonietta Bonomo
Antonino Bilello
Aurora Rosolia
Chiara De Pasquale
Edoardo Chirco
Elisa Seifert
Elisabetta Chirco
Emanuela Piccione Pipitone
Emanuele Catalano
Emanuele Montalto
Floriana Rosolia
Francesca Culicchia
Francesco Chirco
Gessica Marino
Giacomo Danubio
Giuseppe Frazzitta
Giuseppe Bilello
Giuseppe Catalano
Giuseppe Gandolfo
Giuseppe Mandalà
Margaret Badalucco
Marianna Gerardi
Marica Bellomo
Marika Mulè
Massimo Parrinello
Maura Brugnone
Miriana Angileri
Monica Galfano
Noemi Ferracane
Noemi Marino
Roberta Scarpitta
Rosamaria Pipitone
Rossella Marino
Samuela Mulè
Samuele Martinez
Stefano Rosolia
Valentina Mangiaracina

















GRUPPO FOLKLORICO ISCRITTO ALL’ALBO DELLA SEZIONE NAZIONALE CIOFF® ITALIA
 

Il Gruppo

II° Festival Internazionale del Folklore 2017
La passione per il Folklore unita alla grande e antica tradizione siciliana ci ha portato con tanto orgoglio ed entusiasmo ad organizzare il II° Festival Internazionale del Folklore nella città di Marsala


    Il Gruppo Folkloristico Internazionale delle antiche tradizioni siciliane "I Picciotti di Matarò" è un' associazione folklorica e culturale senza fini di lucro, nata in occasione della Rassegna del Folklore Siciliano abbinato con la Sagra "SAPERI E SAPORI DI .…. MATAROCCO" di cui sono stati gli ideatori e organizzatori, che rappresenta l'Italia in numerosi Festival ottenendo sempre grandi consensi e applausi.

    I "Picciotti" sono quarantuno artisti, suddivisi in coristi, ballerini e musicisti, tutti uniti dalla stessa passione per la cultura Siciliana che si sono riuniti non solo per mettere a frutto un'esperienza maturata con gli anni in altri gruppi folkloristici del nostro territorio, ma soprattutto per divulgare le tradizioni popolari della Terra Siciliana attraverso canti, balli, musiche, ravvivate dai colori variopinti dei costumi ottocenteschi dei "Ricchi Burgisi".

     Il gruppo porta avanti con passione ed entusiasmo le tradizioni millenarie della nostra Sicilia.

     Il repertorio di canti e balli dell'associazione, che attinge dalla raccolta di diversi autori come Favara, Pitrè, Salomone Marino è curato dai fondatori del gruppo stesso. Tutte le canzoni di tradizione popolare riflettono momenti di vita contadina fatti di amore, allegria e duro lavoro.

    Tra i più noti balli siciliani, riproposti dai Picciotti si annoverano la "Tarantella", i marsalesi potranno distinguere un ballo tipico della città: la "Jolla", il particolarissimo "Ballo del Chiodo" e la "Contradanza", ballo sul passo cadenzato francese effettuato durante le feste nuziali e goliardiche, durante il quale si eseguono figurazioni comandate dal "caposala".

    Il Gruppo è affiliato alla Federazione Associazioni Folklorike Italiane FAFIT.

Storia e origini del nome I PICCIOTTI DI MATARO'

    Il gruppo folk "I PICCIOTTI DI MATARÒ" prende il nome da una contrada abbarbicata su una collinetta posta alle spalle della città di MARSALA denominata Matarocco, formata da un nugolo di casette fitte e legate insieme da una stradina tortuosa che si adatta all'edilizia che qui risale - in alcuni casi - ad oltre tre secoli fa.
    Zona densa di storia e nota per l'alta densità di proprietari terrieri, accoglie una piazza che si snoda attorno ad un'edicola votiva "fiureddra" nella quale si trova un quadro che raffigura la Madonna di Trapani. Costruita intorno ai primi anni dell’800, la "fiureddra" è sormontata da una maiolica che riproduce San Francesco di Paola, a memoria di un naufragio scampato da un residente del luogo. Qui tantissimi decenni fa c'era un pozzo dove cadde e morì un pastorello. La famiglia in memoria volle costruire questa edicola votiva per farlo vegliare per sempre dalla Madonna. Da un evento luttuoso nacque una tradizione religiosa che si protrae di anno in anno a tutt'oggi.
    Ogni anno a ferragosto qui si faceva la fuggeggia, ossia il falò, e gli adulti con il carretto giravano intorno gettando monete a terra che i ragazzini raccoglievano e seguivano battimani in onore della Madonna di Trapani con veglie di preghiera e canti. Nel marsalese tipico e’ un condimento composto da pomodoro, aglio, basilico e olio chiamato Matarocco, da cui nasce la Sagra abbinata alla Rassegna del Folklore Siciliano che il Gruppo "I PICCIOTTI DI MATARO'" organizza dal 2008.
    Quanto all'origine del Matarocco, le ipotesi sono quelle che nel periodo ottocentesco prevaleva il dominio spagnolo. Infatti in Catalogna esiste una città che si chiama Matarò.











pmBand